Conto deposito garanzia Fondo Interbancario

Conto deposito garanzia Fondo Interbancario: le tutele

Conto deposito garanzia Stato: le tutele per il cliente

Tra le varie forme di investimento sicuramente la più sicura è il conto deposito garanzia Fondo Interbancario che permette al risparmiatore di ottenere una maggiore sicurezza sul proprio capitale investito.

Il Fondo Interbancario di tutela dei depositi è un consorzio al quale hanno l’obbligo di aderire tutte le banche del territorio nazionale nonché le banche extracomunitarie che hanno filiali in Italia.

La normativa del Fondo Interbancario di tutela dei depositi consente di garantire una maggiore sicurezza a chi consegna in deposito alla propria banca i capitali investiti, garanzia che si estende fino ad un importo di massimo 100 mila euro per depositante.

Cifra passata da circa 103 mila euro a 100 mila euro tramite l’attuazione del decreto legislativo del 2007, che ha permesso all’investitore di avere una copertura di massimo 100 mila per ciascun conto deposito aperto in diverse banche ma non per diversi conti deposito nella stessa banca.

Mentre nel caso di conti cointestati ciascuno degli intestatari potrà godere di una garanzia di massimo 100 mila euro.

Conto deposito garanzia interbancaria

Conto deposito garanzia Fondo Interbancario: e se la banca è insolvente? Di fronte ad uno stato d’insolvenza della banca i risparmiatori che hanno depositato dei capitali in conti deposito vincolati non potranno correre alcun pericolo per la perdita totale del capitale investito.

 

In questa circostanza sarà lo stesso Fondo Interbancario di tutela depositi a rimborsare ogni avente diritto, ad eccezione del caso in cui il depositante abbia possesso di titoli presso la banca in fallimento.

Conto deposito garanzia Fondo Interbancario che consente al depositante di optare per la differenziazione del proprio capitale in più conti deposito in diversi istituti di credito così da ridurre il rischio di default bancario ma cercando comunque di garantire il rimborso dell’intero ammontare del capitale investito, soprattutto per cifre maggiori di 100 mila euro.

Per sopperire ai disagi creati da possibili fallimenti le banche usufruiscono di fondi rimborsabili, ovvero  l’ammontare delle somme di capitali depositati presso le filiali degli istituti italiani sia delle persone fisiche che delle imprese, meccanismo del consorzio che prevede che le banche versino i contributi in caso di necessità a chiamata entro 48 ore.

Conto di deposito garanzia in caso di fallimento

La modalità di rimborso prevista in caso di fallimento della banca, da parte del Fondo Interbancario di tutela depositi è in forma automatica sarà lo stesso Fondo Interbancario a contattare l’avente diritto al rimborso.

Rimborso che dovrà essere effettuato in tempi realmente ridotti ovvero entro 20 giorni dalla data in cui si producono gli effetti del provvedimento di liquidazione dell’istituti di credito, periodo che consentirebbe di ottenere la cifra di massimo 100 mila euro.

Il Fondo Interbancario di Tutela potrà così contattare gli investitori aventi diritto per effettuare il rimborso del capitale fino a massimo 100 mila euro, le cifre restanti saranno invece oggetto di riclassificazioni di bilancio.

Per maggiori informazioni sui conto deposito garanzia fondo interbancario e sulle opportunità di investimento più convenienti, continua a seguire il nostro portale

 

Confronta Migliori Conti Deposito